Featured post

Specialisti nel rilevamento delle perdite d’acqua!

VI.RO è una azienda specializzata nel settore della ricerca perdite acqua ed offre molteplici servizi annessi, la massima esperienza e la migliore tecnologia esistente per aziende, complessi alberghieri, scuole, nonché tutti i tipi di edifici pubblici e privati. L’obiettivo di questa realtà del settore termoidraulico con sede a Casatenovo (LC), è quello di risolvere questo tipo di emergenza nel minore tempo possibile e con la massima efficacia, in modo da consentire rapidamente il ripristino della fruibilità degli impianti e degli spazi.

L’azienda si occupa per questo di individuare le perdite d’acqua in modo rapido ed efficiente adoperando le migliori tecnologie del settore, perché conosce bene questa problematica e sa che le perdite causano umidità ed altri problemi sia nelle pareti che nelle superfici, per non parlare dei problemi che eventuali perdite possono causare a coloro i quali vivono negli appartamenti limitrofi a quello in cui si è verificata la perdita. Hai intenzione di lasciare che questi problemi diventino qualcosa di più complicato, quando puoi invece chiamare ed usufruire di un servizio che ti offre la soluzione ideale in meno tempo di quanto ti aspetti?

Sicuramente no, e per questo fai bene ad affidarti ad un team in grado di individuare rapidamente la natura e l’esatta ubicazione della perdita, grazie all’ausilio di sofisticati strumenti di nuova generazione e non invasivi, consentendoti di risolvere il tutto prima che il problema possa degenerare in qualcosa di più complicato da riparare e sicuramente più invasivo per i locali in cui la perdita è presente. VI.RO si occuperà per te di individuare e risolvere il problema adottando dunque un approccio non distruttivo ed effettuando anzitutto una indagine preventiva, che consenta di individuare la modalità di indagine e di intervento più adeguata con conseguente risparmio di tempo e denaro, dunque proprio la garanzia di affidabilità e sicurezza che fa per te.

Featured post

Studio Franco Guerrieri | Immobili di prestigio a Monza

Il territorio di Monza e Brianza è particolarmente noto a quanti desidero acquistare una soluzione mobiliare di prestigio, in virtù della numerosa presenza di strutture architettonicamente rilevanti nella zona. Inoltre la zona di Monza e Brianza presenta una qualità della vita elevata dovuta anche alla presenza di numerose are verdi e aree pedonali, nonchè dovuta al caratteristico centro storico di Monza, il quale ha una grande valenza storica, artistica e culturale. Questi son principalmente i motivi per i quali sono tante le persone che desidero di spostarsi e vivere all’interno di questo bellissimo territorio, così da aumentare la qualità della vita della propria famiglia. Essi necessitano dunque di una risorsa che possa garantire loro la consulenza necessaria ad identificare esattamente la tipologia di mobile perfetto tra quelli di prestigio a disposizione.

Lo studio di intermediazione immobiliare Franco guerrieri è operativo da anni nel settore ed offre ogni tipo di assistenza ai propri clienti in questo senso, sia nelle fasi che precedono l’acquisto (o la vendita) che nelle fasi successive nelle quali si richiede ad esempio di andare ad effettuare dei lavori di ristrutturazione. L’agenzia dispone di numerosi immobili di prestigio Monza, ciascuno con peculiarità differenti e tra i quali non sarà difficile individuare quello maggiormente in grado di soddisfare le proprie necessità e quelle della propria famiglia. È possibile anche raggiungere il sito ufficiale www.francoguerrieri.it per visionare in anteprima alcune delle soluzioni a disposizione all’interno del territorio di Monza e Brianza. Ad ogni modo è preferibile contattare il recapito telefonico 0392304893 per prendere un appuntamento in sede ed avere l’opportunità di parlare direttamente con un consulente, al fine di poter esporre le proprie necessità e visionare personalmente le soluzioni mobiliari che sono maggiormente in grado di adattarsi alle proprie necessità e stile di vita.

Featured post

Caffeblabla.it, il primo (vero) portale dedicato al caffè

Che il caffè sia un elemento omni-presente nella vita dell’italiano medio crediamo sia fuori discussione: di quanti altri alimenti, abitudini o attività possiamo dire lo stesso? Del latte? Delle patatine? Della sigaretta? No, il caffè è il caffè, e che sia un espresso al bar prima di entrare in ufficio, alla macchinetta in pausa o dalla classica moka comodamente seduti sul divano leggendo un giornale, poco cambia.

E allora perchè non dedicare un intero sito web al mondo del caffè? Direte voi, già ne esistono… ah sì? E quali? Non ne abbiamo trovati che offrissero contenuti freschi, originali, piacevoli, in un contesto grafico moderno ed accattivante, ma solo mini portali direttamente legati a qualche brand e pieni di banner pubblicitari… oppure con contenuti anche validi, ma oggettivamente bruttini.

Ecco allora il nostro consiglio di oggi: http://www.caffeblabla.it, il primo (vero) portale dedicato interamente al mondo del caffè in tutte le sue forme. Curiosità, storia, tendenze, ricette, benessere e chi più ne ha più ne metta… Un progetto nato dalla passione per il caffè, finalizzato a diffondere ogni aspetto legato a questo importante, imprescindibile componente della vita quotidiana di tutti noi. Notizie attuali, fresche, ben scritte… e a breve anche quiz, giochi ed altri elementi interattivi.

Visitatelo e condividete!

Featured post

Detrazioni, fino al 50% anche per l’acquisto di mobili

C’è tempo sino alla fine del 2017 per avere la possibilità di ottenere detrazioni pari al 50% per gli acquisti di mobili e grandi elettrodomestici. Precisa l’Agenzia delle Entrate sul proprio sito e ci conferma Pedrazzini Arreda, punto vendita cucine a Milano: “Si può usufruire di una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni) destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione”.

Quando e come

Le persone interessate ad accedere alla possibilità di detrazione devono sapere che per ottenerla “è indispensabile realizzare una ristrutturazione edilizia – e usufruire della relativa detrazione (10mila euro massimo di spesa ammessa in detrazione) – sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici, sempre residenziali”. Tale detrazione è valida anche quando i beni acquistati servono per arredare un ambiente diverso dall’immobile oggetto di intervento edilizio. Però occorre sapere che “Per ottenere il bonus è necessario che la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione preceda quella in cui si acquistano i beni”. L’Agenzia dell’Entrate precisa che non è necessario che le spese di ristrutturazione siano precedenti a quelle dell’acquisto degli arredi: “La data di avvio dei lavori può essere dimostrata da eventuali abilitazioni amministrative, dalla comunicazione preventiva all’Asl, se è obbligatoria”.

Gli interventi necessari

Gli interventi necessari per usufruire della detrazione sono:

– manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia di singoli appartamenti (mentre i lavori di manutenzione ordinaria – tinteggiatura pareti e soffitti, sostituzione di pavimenti o infissi esterni e rifacimento di intonaci interni – non danno diritto al bonus);

– ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza;

– restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia di interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l’immobile;

– manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su parti comuni di edifici residenziali.

L’arredo nuovo si può detrarre

Questa possibilità vale per la maggior parte dei mobili nuovi. Una buna occasione per fare un restyling della propria casa, possibilmente scegliendo pezzi di qualità e di design come quelli esposti da Pedrazzini Arreda. La detrazione spetta per mobili nuovi come letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi e apparecchi di illuminazione. La stessa regola vale per gli elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni) secondo quanto rilevabile dall’etichetta energetica. L’acquisto è comunque agevolato per gli elettrodomestici privi di etichetta a condizione che non ne sia stato ancora previsto l’obbligo. Tra le spese da portare in detrazione si possono includere quelle di trasporto e di montaggio.

Quanto si può detrarre

Indipendentemente dall’importo delle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione, la detrazione del 50% va calcolata su un importo massimo di 10mila euro riferito, complessivamente, alle spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici.

E come

Per ottenere la detrazione occorre indicare le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi (modello 730 o ‘Redditi persone fisiche’): per averla occorre effettuare i pagamenti con bonifico o carta di debito o credito. Non si può pagare con assegni, contanti o altri mezzi. L’acquirente dovrà conservarla ricevuta del bonifico; la ricevuta di avvenuta transazione (per i pagamenti con carta di credito o di debito); la documentazione di addebito sul conto corrente; le fatture di acquisto dei beni e servizi acquistati.

Featured post

Cialde Lavazza A Modo Mio? Acquistale online

L’Italia si sa, è il paese del caffè per eccellenza: ne consumiamo circa 6kg a testa ogni anno e per nulla al mondo potremmo rinunciare a questo piccolo piacere quotidiano. Non parliamo solamente di una bevanda particolarmente amata, ma del fatto che il caffè in Italia rappresenti spesso un vero e proprio momento di convivialità: è perfetto durante una pausa di lavoro tra colleghi o per una chiacchierata al bar con un amico, ed è al tempo stesso un piacevolissimo distacco momentaneo dal lavoro e dallo stress del vivere quotidiano, un vero e proprio rituale durante il quale non vogliamo essere disturbati. Per anni la moka ha rappresentato tutta la cultura e la tradizione del caffè per gli Italiani, ed è stata persino simbolo dell’Italianità assieme ai classici spaghetti in alcuni spot pubblicitari riguardanti il nostro paese. In realtà gli Italiani, pur apprezzando il caffè fatto in casa, genuino ma semplice, hanno sempre preferito concedersi un caffè al bar quando possibile. Il motivo è semplice: il caffè del bar ha un gusto, un aroma ed una intensità che la moka difficilmente può raggiungere.

Questo è il motivo per il quale esiste nell’accezione comune una netta distinzione quando si parla di caffè fatto in casa e caffè del bar, decisamente due prodotti differenti. Eppure da qualche anno a questa parte non è più necessario recarsi al bar per bere un espresso con quella cremina e quell’aroma inconfondibile: ad esempio acquistando sul sito Cialdamia le ottime cialde Lavazza a Modo Mio consentono ogni volta di provare in casa tua tutto il gusto e l’aroma del vero caffè del bar. Grazie alle tantissime cialde a disposizione, appositamente selezionate tra quelle con le migliori miscele, sarà possibile gustare quella piacevolissima sensazione di benessere che solo un caffè di ottima qualità può darti.

Proprio così, grazie alle cialde e capsule Lavazza a Modo Mio non servirà più recarsi al bar per concedersi questo piccolo piacere quotidiano, ma potrai avere il gusto unico ed inconfondibile del caffè del bar a casa tua, con un semplicissimo gesto in pochi secondi sarà pronto per regalarti una tazzina piena di gusto ed energia.

Featured post

Gonfiabili per Bambini

Che tu gestisca un asilo nido, che tu abbia in carico un’area giochi, che tu sia il responsabile di un acqua park o di qualsiasi altro tipo di struttura in cui è previsto che i piccoli possano divertirsi, sarai certamente interessato ad ogni tipo di soluzione innovativa e accattivante che possa aiutarti a rendere la tua struttura o play area ancora più bella e attraente per i bambini. In commercio esistono tante soluzioni atte ad abbellire gli spazi dedicati ai più piccoli, ma nessuno di questi è in grado di dare veramente quel valore aggiunto e quel tocco di novità di cui avverti il bisogno. Probabilmente, il motivo di ciò risiede nel fatto che non conosci ancora la qualità e l’innovatività dei prodotti realizzati da Go Leisure. Questa importante realtà del settore produce e commercializza fantastiche soluzioni per arricchire, allestire, decorare e colorare al meglio qualsiasi tipo di spazio dedicato ai bambini, che saranno liberi di divertirsi nella maniera più sfrenata e sempre in grande sicurezza, sia dal punto di vista pratico (cadute, scivolate) che dal punto di vista prettamente qualitativo dei materiali, ignifughi e di prima scelta. Tra i tanti prodotti proposti da Bll Park, vi sono splendidi gonfiabili per bambini, scenografie 3D, gonfiabili acquatici, giochi in plastica, arredi e complementi. Davvero una selezione vasta e articolata di soluzioni, ideali per risolvere qualsiasi necessità di allestimento spazi ludici, che farà in modo questi possano distinguersi per la bellezza e l’innovazione degli elementi e delle attrezzature messe a disposizione dei piccoli. Proprio così, la vostra ludoteca o area giochi sarà presto riconosciuta nell’immaginario dei bimbi, e dei loro genitori, come quel luogo in cui i giochi sono “più belli”, e sarà di conseguenza preferita alle altre strutture vostre concorrenti. E’ possibile contattare Bll Park al numero +390392497489 o inviare una mail a info@go-leisure.com

Catfishing, gli adolescenti e i falsi profili sui social

A oltre 6 ragazzi su 10 è capitato di imbattersi in profili falsi sui social, e quasi la metà confessa di averli creati, soprattutto per divertimento. Si tratta del fenomeno Catfishing, ovvero la pratica di “pescare” immagini e informazioni dagli account dei social media al fine di creare una nuova e finta identità online utilizzando quella di un altro individuo come se fosse la propria. Il Catfishing, inizialmente diffuso fra gli adulti, sta prendendo piede anche tra i giovanissimi. Per questo motivo Kaspersky ha realizzato un’indagine sul fenomeno, condotta insieme al Giffoni Innovation Hub, per sensibilizzare ragazzi e genitori a essere più consapevoli.

Quanto è importante sapere con chi si chatta?

In generale il Catfishing viene visto come qualcosa che coinvolge soprattutto i giovanissimi (72%), anche se il 17% pensa riguardi principalmente il mondo degli adulti, e il 13% solo persone molto deboli e fragili. Alcuni, inoltre, sottovalutano il pericolo e non lo ritengono tale, a meno che non si tramuti in truffa economica, ricatto o minaccia (14%). Se oltre il 65% considera fondamentale informarsi, e l’85% è cosciente della serietà del fenomeno Catfishing, sono in particolare le ragazze le più preparate sul tema (62%), contro il 43% dei maschi. Le ragazze poi sono anche le più sensibili, ritenendo importante sapere con chi si chatta realmente. Il 73% di loro, infatti, dà un voto massimo a questo aspetto, rispetto al 50% dei maschi, riporta Ansa.

Cosa spinge a mentire online?

L’ossessione per i like e la paura del giudizio riferito al proprio orientamento sessuale, al colore della pelle o al proprio corpo, hanno effetti importanti sui giovanissimi. Tra le motivazioni che spingono a inventare profili falsi per il 22% c’è proprio la vergogna per il proprio aspetto fisico, convinzione che appartiene in ugual misura a maschi (23%) e femmine (21%). Dall’indagine emerge poi che il 44% dei giovani intervistati ha utilizzato almeno una volta profili falsi sui social, sostenendo di averlo fatto soprattutto per divertimento (27%), ma anche per sentirsi “libero” di commentare e postare contenuti che con la propria identità non avrebbe avuto il coraggio di condividere (14%).

A scuola se ne parla poco

L’8% confessa invece di averlo fatto per timidezza, il 5% per aumentare like e commenti, e il 2% ammette di averlo creato per fare l’hater in rete. Un altro elemento che emerge dalla ricerca è che la scuola sembra non essere un luogo in cui si discute di questo argomento. Solo il 29% dichiara di averne parlato con i propri insegnanti, e anche in questo caso, sono le ragazze a preoccuparsene maggiormente (32%) rispetto ai ragazzi (25%).

“È fondamentale tenere presente che gli adolescenti sono naturalmente i più esposti alle minacce della rete – commenta Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky -. Per questo motivo è importante creare progetti e iniziative per una vita digitale sicura e per informare i ragazzi sui pericoli del mondo online”.

Moratoria sui crediti per imprese e famiglie

La fase post lockdown ha fatto segnare un deciso recupero delle richieste di credito da parte di famiglie e imprese, tornate sui livelli pre emergenza.

In questo scenario, sicuramente in recupero, ma ancora condizionato dall’incertezza causata dall’emergenza, famiglie e imprese non hanno smesso di richiedere l’accesso alla moratoria varata dal Governo per sospendere il pagamento delle rate sui finanziamenti in essere. E la nuova rilevazione di CRIF (Centrale Rischi Finanziari), relativa alle istruttorie contribuite sul proprio sistema di informazioni creditizie nella prima settimana di agosto, registra una performance positiva, rispettivamente con un +7% per le famiglie e un +15% per le imprese.

Le richieste presentate dalle imprese…

La dinamica registrata da CRIF circa le richieste di moratorie sui finanziamenti rateali fa emergere significative differenze sulla base della dimensione d’impresa. Il 72,6% delle richieste di moratoria ottenute in questi mesi sono riconducibili a società di capitali, il 23,9% a società di persone, e il 2,3% a ditte individuali. Il 47,6% delle sospensione delle rate ottenute dalle imprese si riferisce a mutui di liquidità contro una quota del 25,6% dei contratti di leasing e al 17,4% dei mutui immobiliari. Seguono i prestiti personali (5,2%), e i prestiti finalizzati (4,2%). La rata mensile più elevata è quella relativa ai mutui di liquidità, con 3.645 euro di media, a fronte di un debito residuo pari a 122.754 euro.

…e da parte delle famiglie

Per quanto riguarda le linee di credito per le quali è stata chiesta la sospensione del rimborso delle rate da parte di privati consumatori, i mutui immobiliari rappresentano il 46,6% delle richieste, mentre il 26,6% del totale riguarda prestiti personali, che tipicamente rappresentano le due forme di finanziamento più onerose per le famiglie. A seguire, i mutui di liquidità (12,6%), i prestiti finalizzati (8,6%) i contratti di leasing e altri prodotti rateali (5,6%). I contratti per i quali i consumatori hanno potuto ottenere la sospensione grazie alla moratoria sono in genere più onerosi in termini di rata mensile e debito residuo, consentendo così ai beneficiari di liberarsi in questa delicata fase di un impegno significativo e agevolare la sostenibilità del bilancio familiare.

“Un’efficace misura di sostegno”

“Indubbiamente la moratoria varata dal Governo nei mesi scorsi ha rappresentato un’efficace misura di sostegno alle famiglie e alle imprese che in questi mesi si sono trovate in difficoltà a causa dell’emergenza Covid – commenta Antonio Deledda, Direttore Credit Bureau Services di CRIF -. Posto che le rate oggetto di moratoria sono contribuite nei SIC dagli intermediari finanziari a importo dovuto pari a zero, e che i beneficiari non possono essere segnalati a sofferenza dal momento in cui il provvedimento è stato concesso, la segnalazione della sospensione delle rate darà la possibilità ai soggetti finanziati di referenziarsi adeguatamente nel prossimo futuro, dimostrando che la loro affidabilità è elevata e che la sospensione delle rate è stata richiesta per far fronte a una temporanea difficoltà dovuta agli effetti della pandemia e non per altre ragioni”.

Facebook, su Rooms le dirette anche per 50 persone

Non solo Zoom, ma anche Rooms. Sono sempre di più le piattaforme dedicate alle videochiamate, che ci hanno salvato dall’isolamento sociale, professionale, educativo quando eravamo tutti chiusi in casa. E ora la funzione di Facebook, lanciata proprio durante le settimane del lockdown, si evolve e diventa uno strumento per le dirette con gli amici e i colleghi. Con Messanger Rooms, le ‘stanze’ virtuali del social network si possono trasformare in uno spazio per live destinati a gruppi fino a 50 persone. “La funzione – precisa una nota di Facebook – viene gradualmente introdotta in alcuni paesi su Facebook e Messenger versione web e presto verrà estesa a tutti i paesi in cui è disponibile Messenger Rooms, nonché all’app mobile Facebook e Messenger e alla versione desktop di Messenger”. Questa funzione risponde anche a un’evidenza: a giugno 2020 le dirette della Pagine sono raddoppiate rispetto all’analogo periodo dell’anno scorso.

Liberi di aggiungersi o uscire

Le Messenger Rooms sono videochiamate di gruppo a cui ci si può aggiungere. Nel caso del ‘live’, il creatore della Stanza controlla la diretta, chi può vedere il Live e chi è invitato a partecipare. Inoltre, può aggiungere o rimuovere i partecipanti dalla diretta in qualsiasi momento e anche chi partecipa può lasciare la live in qualsiasi momento. Ancora, il creatore può invitare anche chi non ha un account Facebook. Per garantire la massima sicurezza, specifica Facebook, “Gli spettatori sono incoraggiati a segnalare qualsiasi video in diretta che ritengano violi gli standard della comunità di Facebook”.

Come funziona

Per trasmettere in diretta su Messenger Rooms occorre essere il creatore della stanza e usare il browser web Google Chrome. Da Messangers Rooms bisogna poi cliccare sull’icona “Live” in basso a destra. A questo punto, occorre scegliere dove si vuole vuoi trasmettere il video in diretta (sul diario, su una Pagina gestita o su un gruppo) e selezionare il pubblico. Tutti i partecipanti alla videochat riceveranno una notifica che li invita a partecipare alla trasmissione in diretta e dovranno scegliere di partecipare o di lasciare la stanza prima che diventi attiva. Una volta che i partecipanti confermano la loro presenza nella stanza (o decidono di lasciarla), si può iniziare la diretta. Il creatore della stanza può rimuovere i partecipanti che non rispondono e può anche decidere di bloccare o sbloccare una “Room” durante la diretta. Per terminare la trasmissione, è sufficiente cliccare su Fine.

Ambiente e territorio, le priorità per chi abita nel Nord-Ovest

I residenti del Nord-Ovest italiano nel 2020 si sentono più esposti ad alcuni rischi di tipo economico rispetto al resto del Paese. In particolare, i motivi di preoccupazione sono l’aumento del costo della vita (47% contro il 41% a livello nazionale), il reddito incerto e la situazione economica difficile per i figli o i nipoti (36% contro il 33%) e l’incapacità di mantenere nel tempo il proprio tenore di vita (28% contro il 24%). Aumento del costo della vita e timori sullo scenario economico con possibili ricadute negative sul futuro dei figli sono quindi alcune delle principali preoccupazioni espresse dagli abitanti del Nord-Ovest.  È quanto emerge da dati Ipsos riferiti al 2019, che mostrano come queste preoccupazioni siano accentuate ulteriormente nel difficile momento post emergenza sanitaria.

Sostenibilità come valore in grado di mitigare le percezioni negative

I dati Ipsos evidenziano anche come nelle regioni del Nord-Ovest, Liguria compresa, il 72% della popolazione affermi di conoscere il concetto di sostenibilità, e il 24% delle persone consideri ambiente e territorio una priorità, al terzo posto dopo mobilità (45%) e occupazione ed economia (31%).

Sostenibilità, dunque, come valore in grado di mitigare le percezioni negative? È una delle possibili chiavi di lettura dei dati affrontata nel corso della tappa di Genova del Salone della CSR e dell’innovazione sociale, la manifestazione italiana dedicata ai temi della sostenibilità, che ha sviluppato un dibattito su Resilienza trasformativa e voci plurali. Alla manifestazione hanno partecipato rappresentati delle istituzioni, mondo accademico e realtà imprenditoriali e del Terzo settore.

Necessità di essere resilienti, ma in una logica trasformativa

“La sostenibilità richiede la collaborazione di tutti gli attori sociali – spiega Rossella Sobrero, del Gruppo promotore del Salone – soprattutto in periodi difficili come quello che stiamo attraversando. Nella tappa di Genova è stata ricordata anche la necessità di essere resilienti, ma in una logica trasformativa per riuscire a gestire il cambiamento con risultati positivi per tutti. Per farlo è necessario uscire dalla comfort zone a cui siamo abituati e imparare ad ascoltare tante voci diverse: la resilienza trasformativa richiede infatti uno sguardo aperto e una visione olistica, fattori essenziali per riconoscere le sfide emergenti e trovare soluzioni innovative”.

Un approccio sostenibile e condiviso volto alla creazione di un valore comune

La tappa di Genova del Salone è stata organizzata in collaborazione con Eticlab. “Quest’anno, proprio per la situazione di emergenza che tutti ci siamo trovati nostro malgrado a dover affrontare è ancora più evidente come di fronte a sfide, anche inaspettate, un approccio sostenibile e condiviso, volto alla creazione del valore comune, possa davvero essere una risposta concreta” ha commentato Giovanni Battista Valsecchi, presidente Eticlab.

Boom dei monopattini in città. Ma per utilizzarli servono regole

I monopattini elettrici, silenziosi ed ecologici, ma anche tutti gli altri veicoli elettrici per la mobilità individuale, come hoverboard, segway, monowheel e, ovviamente, biciclette, sono il nuovo fenomeno che sta conquistando le città italiane. E potrebbero rappresentare la chiave per accelerare l’intero processo di revisione della mobilità urbana, come già è avvenuto e sta avvenendo in diversi Paesi, a partire da quelli del nord Europa. A spingere i monopattini e la loro diffusione sempre più massiccia sono soprattutto i timori legati all’utilizzo dei mezzi pubblici durante la pandemia. Migliaia di cittadini devono percorrere pochi chilometri per andare al lavoro, ma anche tanti giovanissimi, e ora preferiscono evitare di utilizzarli e scelgono i nuovi mezzi a disposizione.

Equiparati alle biciclette, pur con limiti specifici di utilizzo

Ma quali sono le regole per utilizzare i monopattini elettrici? “La materia – spiega il dirigente della Polizia Stradale Giandomenico Protospataro, che su Poliziamoderna ha condotto un’analisi su questo tipo di mezzi di trasporto – è stata regolata per la prima volta nel 2019 con l’avvio della sperimentazione, e successivamente, all’inizio di quest’anno, i monopattini sono stati equiparati alle biciclette, pur con limiti specifici di utilizzo in ambito urbano”.

E dunque, purché abbiano specifiche caratteristiche costruttive e funzionali, i monopattini elettrici possono circolare anche sulla carreggiata se non ci sono piste ciclabili disponibili.

Uso del casco per i conducenti minorenni e limite di velocità di 25 km/h

I monopattini elettrici però non possono invece circolare sulle carreggiate extraurbane né sulle strade urbane, che hanno limite di velocità più elevato di 50 km/h, o dove è vietata la circolazione dei velocipedi. Né, ovviamente, sui marciapiedi o negli spazi riservati ai pedoni.

“La conformazione strutturale di questo tipo di dispositivi – spiega ancora Protospataro – ha imposto delle regole ad hoc, pur essendo dal punto di vista giuridico equiparati alle biciclette, e dunque le regole d’utilizzo sono quelle previste dagli articoli 68 e 182 del codice della Strada”. Ovvero, uso del casco per i conducenti minorenni, limite di velocità di 25 km/h, divieto di trasporto di cose o passeggeri, e nessuna patente per guidarli, purché si abbiano 14 anni.   

Pesanti sanzioni amministrative e sequestro del veicolo se viene “modificato”

“Attenzione però – aggiunge il dirigente della Polstrada – il monopattino non deve avere un sellino o comunque un posto a sedere con altezza dal suolo superiore a 54 cm. Se lo avesse – continua Protospataro – dovrebbe essere considerato come un ciclomotore elettrico per il quale il Cds impone regole molto diverse”, come l’obbligo di omologazione, immatricolazione, targa, patente di guida, assicurazione, e casco omologato.

Circolare con un veicolo di questo tipo se si infrangono le regole può costare davvero molto caro, perché si applicano pesanti sanzioni amministrative pecuniarie, e il sequestro per la confisca del veicolo.

Facebook rimuove 2,5 milioni di contenuti commerciali relativi al Covid

Più di 2,5 milioni di contenuti relativi alla vendita di mascherine, disinfettanti per le mani e kit di test per il coronavirus. È quanto Facebook ha rimosso dalla piattaforma  partire dal primo marzo 2020. E ad aprile il social network ha apposto un’etichetta di avvertimento per gli utenti su circa 50 milioni di contenuti a tema Covid-19. Il tutto è frutto dell’analisi di 7.500 articoli da parte dei fact checker partner. Si tratta di alcuni dati del Community Standards Enforcement Report pubblicato periodicamente dalla società di Mark Zuckerberg, che dà conto delle azioni messe in campo da Facebook in alcune aree sensibili, compresi anche linguaggio d’odio e bullismo.

Eliminati centinaia di migliaia di contenuti di disinformazione

Insomma, Facebook intende continuare a fare “pulizia” sulla propria piattaforma, impiegando una gran mole di risorse per scovare ed eliminare fake news e contenuti fuorvianti sul coronavirus.

“A oggi – sottolinea il social network – abbiamo indirizzato oltre 2 miliardi di persone verso le fonti messe a disposizione dalle autorità sanitarie attraverso il nostro Centro Informazioni sul Covid-19 e i pop-up su Facebook e Instagram”. In questo modo sono stati rimossi centinaia di migliaia di contenuti di disinformazione che potrebbero portare a danni fisici imminenti.

Grazie ai sistemi di AI è migliorato anche il rilevamento proattivo

Il Community Standards Enforcement Report ha messo in chiaro anche le altre aree di azione della piattaforma sui contenuti dannosi. In sei mesi, ad esempio, ha rimosso 6,3 milioni di contenuti relativi a organizzazioni che diffondono odio, 2,8 miliardi di account fake, e 4,8 miliardi di contenuti spam. Grazie ai sistemi di Intelligenza Artificiale, spiega ancora la piattaforma, è migliorato anche il rilevamento proattivo, ovvero quello che consente di rilevare questo genere di post prima che vengano segnalati dagli utenti.

Quasi il 90% di hate speech rilevato

In particolare, per quanto riguarda l’hate speech, Facebook ora è “in grado di rilevare quasi il 90% dei contenuti”. Su Instagram, invece, oltre a lanciare nuovi strumenti anti-bullismo la società sottolinea di aver apportato miglioramenti alla tecnologia di corrispondenza di testo e immagini per scovare un maggior numero di contenuti relativi a suicidio e autolesionismo.

In questo modo, riferisce Ansa, la quantità di contenuti su cui la società ha preso provvedimenti è aumentata del 40%, e la percentuale di rilevamento proattivo è cresciuta del 12%. Riguardo il bullismo, invece, in sei mesi la piattaforma è intervenuta su 1,5 milioni di contenuti.

Arriva l’app che aiuta a non toccarsi il viso

È stato ripetuto fin dall’inizio dell’emergenza, e ormai lo sanno tutti: dopo lavarsi le mani, non toccarsi il viso è l’accorgimento più importante per evitare di contrarre il Coronavirus. Ma le abitudini sono difficili da sradicare, e quella di portare le mani al volto, soprattutto a naso, bocca, occhi, è un gesto quotidiano che facciamo più e più volte al giorno in maniera del tutto automatica, senza che ce ne rendiamo conto. Ma in questo periodo potrebbe costarci caro. E per aiutare le persone a ricordarsi di non toccarsi la faccia è arrivata un’app. si chiama No Touch Face, ed è l’applicazione sviluppata dal team del professor Domenico Prattichizzo al SIRSLab (Siena Robotics and Systems Lab) dell’Università di Siena, proprio per aiutare le persone a non toccarsi il viso.

Una notifica vibro-sonora avvisa di non avvicinare la mano al volto

“Basta uno smartwatch e piccoli magneti facilmente acquistabili online – spiega il professor Prattichizzo – per ricevere una notifica vibro-sonora non appena si avvicina la mano al viso”.

Si tratta di una semplice soluzione ma dal grande impatto sulla sicurezza delle persone, che spesso si espongono al contagio per colpa di disattenzioni. D’altronde, “combattere abitudini simili è fondamentale per diminuire il rischio di contrarre il coronavirus”, commenta Prattichizzo. Come funziona No Touch Face? In pratica l’applicazione sfrutta i sensori già integrati nei più comuni smartwatch per misurare il campo magnetico circostante, e rilevare la distanza a cui si trovano i magneti. Posizionando piccolissimi magneti su collane, orecchini e occhiali viene dunque delimitata una zona di sicurezza all’interno della quale l’applicazione genera una notifica di allarme, riferisce Askanews.

Una soluzione per tenere costante l’attenzione all’igiene

“È una soluzione facile e accessibile a tutti per tenere costante l’attenzione all’igiene – prosegue il professor Prattichizzo – ancor più utile nei luoghi pubblici, dove un momento di distrazione può far prendere all’abitudine il sopravvento”.

No Touch Face è un’applicazione gratuita attualmente disponibile per sistemi operativi WearOS. Il software è open-source e accessibile al sito ufficiale www.nofacetouch.org. Grazie al contributo collettivo sarà possibile migliorare e sviluppare l’applicazione anche per altri smart watches (Samsung, Apple, Huawei) per essere di aiuto a un numero sempre più alto di persone.

Un deterrente contro la diffusione dell’infezione

L’applicazione è nata dalla collaborazione tra l’Ateneo senese e l’Istituto italiano di tecnologia, e risponde all’attuale emergenza Covid-19 proponendosi come deterrente contro la diffusione dell’infezione.

Inoltre il progetto No Face Touch è parte dell’iniziativa dell’Istituto per la Robotica e le Macchine intelligenti, che in questo momento sta cercando a livello nazionale di contribuire alla prevenzione e cura del Covid-19.

Pagamenti digitali, le opportunità per gli esercenti

La Legge di Bilancio 2020 ha introdotto nuove misure per incentivare i pagamenti cashless da parte dei consumatori, e incoraggiare esercenti, professionisti e piccoli artigiani a dotarsi di Pos per l’accettazione dei pagamenti senza contanti. Da gennaio 2020 i consumatori potranno infatti portare in detrazione IRPEF al 19% solo le spese effettuate con strumenti tracciabili, come le carte di pagamento. Per questo motivo, sono sempre di più i clienti che chiedono ai professionisti privati del settore sanitario, ai centri sportivi e agli altri operatori che offrono servizi oggetto di detrazione, di poter pagare con il Pos. Dal 1° luglio, poi, i piccoli commercianti che utilizzano strumenti di pagamento elettronico potranno beneficiare di un credito d’imposta del 30% sulle commissioni bancarie per le transazioni.

Nuovi Pos per artigiani e studi medici

Per i piccoli esercenti e i professionisti che vogliono dotarsi di uno strumento semplice e pratico per l’accettazione dei pagamenti digitali, Nexi, l’azienda italiana che offre servizi e infrastrutture per il pagamento digitale a banche, aziende, istituzioni e Pubblica Amministrazione, ha lanciato l’offerta Welcome. Si tratta di un servizio consigliato soprattutto ad ambulanti e professionisti, come studi medici o artigiani (elettricisti e idraulici), senza canone Pos mensile, che permette di accettare tutte le principali tipologie di carte, compreso il Pagobancomat, con una commissione unica per le carte europee. E può essere usato anche in modalità mobile.

Ulteriori offerte arrivano dall’estero, come SumUp e myPOS

Inoltre, con Welcome, non è richiesta l’apertura di un conto corrente dedicato, poiché l’esercente potrà infatti usare il conto già aperto presso la sua banca.

Ulteriori offerte interessanti che propongono device a supporto dei pagamenti digitali per i piccoli esercenti arrivano dall’estero. Tra questi l’anglosassone SumUp, che propone il Pos in vendita e una commissione unica, e la spagnola myPOS, che lo offre in vendita con una commissione unica collegato a un conto corrente estero. SumUp e myPOS assicurano l’accettazione del circuito Pagobancomat e la manutenzione per tutta la durata del contratto, nonché l’assistenza telefonica in Italia.

Convenienza, facilità, trasparenza e un customer care efficace

Anche Nexi Welcome offre l’assistenza telefonica in Italia 24 ore su 24, 7 giorni alla settimana, non solo quindi nei giorni lavorativi. Inoltre, garantisce la manutenzione inclusa con sostituzione gratuita del Pos in caso di malfunzionamento per tutta la durata del contratto, non solo quindi per il primo anno. Insomma, convenienza, facilità, trasparenza e un customer care efficace. Avere un Pos non sarà più un peso per gli esercenti.

Gli italiani passano quasi 2 ore al giorno sui social

L’Italia è un paese connesso, e con un trend di adozione in crescita per quanto riguarda Internet, le piattaforme social, e le nuove tecnologie. Sono infatti quasi 50 milioni le persone online in Italia su base regolare, e 35 milioni quelle presenti e attive sui canali social, sui cui si contano circa otto (7,8) account per ogni italiano. Ma non è solo la quantità di persone presenti e attive sul web a crescere. Aumenta anche il tempo passato online. Ogni giorno passiamo infatti 6 ore connessi a internet, e 1 ora e 57 minuti sulle piattaforme social. Una quantità di tempo in aumento rispetto al dato rilevato nel 2019, fermo a 1 ora e 51 minuti.

Quasi otto account a testa, fra Youtube, le app di Facebook e le altre piattaforme

Da quanto emerge dal rapporto di We Are Social, che analizza lo scenario social e digital a livello locale e globale, il 98% degli utenti social si connette da dispositivi mobili, riporta Adnkronos. Tra le piattaforme preferite dagli italiani si confermano come l’anno scorso Youtube e le app di Facebook, nell’ordine di preferenza, WhatsApp, Facebook, Instagram e Messenger, saldamente collocate nella top 5 della classifica dei social più usati. Ed è Instagram la piattaforma che registra la crescita più evidente, passata dal 55% del 2019 al 64% di oggi.

Crescono anche Snapchat, Twitter, WeChat, Reddit e TikTok

Buona performance anche di Pinterest, che vede un salto dal 24% al 29% anche in Italia, in parallelo a una crescita globale anche in virtù di una serie di miglioramenti della piattaforma self-service per le sponsorizzazioni, e ad alcune iniziative nell’ambito del Social Self Care. Crescono di un paio di punti percentuali ognuno anche Snapchat, Twitter, WeChat, Reddit. e TikTok, che alla prima rilevazione in Italia è stata adottata già dall’11% degli utenti.

Verso nuovi formati di fruizione e nuove tecnologie

“In linea con i Paesi occidentali, anche gli italiani stanno sviluppando grande attenzione per temi importanti legati alla loro vita online, come il controllo della propria privacy e la scelta di fonti di informazione affidabili”.In ogni caso, ci stiamo orientando verso nuovi formati nello scenario social. “In particolare siamo in una fase di ‘Stories-ficazione’ della comunicazione – commentano Gabriele Cucinella, Stefano Maggi e Ottavio Nava, Ceo di We Are Social – le Stories stanno facendo registrare su tutte le piattaforme un incremento continuo del loro tasso di engagement e penetrazione”, crescendo 15 volte più velocemente dei contenuti su feed, riporta Il Sole 24 Ore.

Ma non è tutto. “Crescono i comportamenti legati a nuovi formati di fruizione e a tecnologie relativamente nuove – precisano i Ceo di We Are Social – come le ricerche vocali, l’interazione con intelligenza artificiale, l’e-gaming e le sue varie declinazioni”.

Shopping, nel 2020 sarà sempre più digitale e personalizzato

Siamo alle soglie di un’ulteriore evoluzione dello shopping, ovviamente, grazie alla tecnologia, agli algoritmi e allo scambio di dati personali. Dalla tendenza alla personalizzazione dei prodotti a quella di decidere di vendere in prima persona i propri dati Euromonitor International nel nuovo report globale Top 10 Global Consumer Trends risponde alla domanda: come sarà lo shopping nel 2020? Dopo le casse smart anche sushi e sashimi saranno cucinati con i nostri ingredienti preferiti, ma sarà possibile anche ritornare in modalità “off”, cioè anonimi. E si potrà arrivare anche a “uno scambio commerciale in cui gli aggregatori di dati e le aziende potrebbero pagare i consumatori per accedere alle parti delle loro banche dati e ai profili personali”, spiega Michelle Evans, senior industry manager – digital consumer di Euromonitor.

Sushi “su misura” preparato dalla stampante 3D

Intanto a Tokyo si attende l’apertura del primo e più futuristico ristorante al mondo, il Sushi Singularity, progetto di Open Meals company specializzata nella produzione di cibo digitalizzato. In nome di un servizio altamente personalizzato, una piattaforma digitale analizzerà i campioni biologici dei clienti per valutare le loro esigenze nutrizionali. Questi dati biometrici saranno usati per informare anche quali sostanze nutritive sono comprese nelle singole porzioni di sushi che verrà servito. Le pietanze saranno stampate con stampante 3D in grado di dosare i singoli ingredienti scelti e sfornare bocconcini esteticamente perfetti.

Alexa sarà una voce più frequente nel prossimo anno

Assistenti virtuali, dispositivi intelligenti, chatbot e applicazioni basate sull’AI stanno penetrando nelle attività aziendali, nella logistica della catena di approvvigionamento e nella vita dei consumatori. Le aziende si stanno muovendo oltre le capacità umane, creando opportunità di crescita sostenibile con la tecnologia. Stiamo iniziando ad accettare che determinati compiti possano essere eseguiti con l’aiuto di robot e che lo shopping sia accompagnato da assistenti virtuali che facilitino le scelte, piuttosto che da fare soli.

Sebbene la completa fiducia e l’accesso universale a questi sistemi richiederanno più tempo, stiamo abbracciando l’idea di usare la tecnologia per il nostro benessere, convenienza, comfort e controllo personale. Insomma, saranno questi i grandi temi del 2020, riporta Ansa.

Occhiali da sole per l’invisibilità digitale e il cappellino per gli speakers

Non a tutti però piace condividere pezzetti di vita con robot e algoritmi. E in nome di una condivisione consapevole e di un maggiore controllo personale nascono progetti e start-up per creare sistemi di protezione dai nuovi sistemi di tracciabilità. Come gli occhiali da sole che garantiscono l’invisibilità digitale, in grado di proteggere il viso dalla tecnologia per il riconoscimento facciale.

Li hanno progettati i ricercatori americani di Reflectacles, e sono dotati di lenti che bloccano gli infrarossi per fermare le misurazioni delle fotocamere. In Danimarca è nato invece una sorta di cappellino tecnologico (Alias) da posizionare sulle casse smart. Il berretto, calzato sugli speakers, blocca l’ascolto, e qualora percepisca l’attivazione degli altoparlanti a nostra insaputa, lancia l’allarme.