Author Archives: Gerardo Tartaglia

“Vicini e connessi”, Google a fianco delle attività commerciali: risorse online senza costi

Per gli esercizi commerciali tradizionali il 2020 sarà ricordato com un anno nero, fra lockdown, chiusure, procedure eccezionali per contrastare l’epidemia. Con la necessità di mettere in atto tutta una serie di misure per tenere il virus fuori dalla porta, compreso il fatto di contingentare il numero di clienti, spostare – almeno parzialmente – la propria attività sul web è diventato quasi un imperativo.

Subito e gratis

Per questo Google ha deciso di scendere in campo a fianco dei piccoli imprenditori. “In particolare in questo momento, sappiamo che quando le persone vogliono acquistare qualcosa spesso iniziano la loro ricerca online. E crediamo sia per loro utile sapere se i negozi del loro quartiere sono aperti, e se possono comprare proprio lì i prodotti che cercano. Vogliamo che in questa fase più che mai il digitale sia un alleato per il commercio locale: in linea con l’iniziativa di supporto alla ripresa economica del Paese annunciata questa estate con il progetto “Italia in Digitale”, aderiamo con piacere all’iniziativa “Vicini e Connessi” della Ministra per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione e mettiamo a disposizione dei commercianti strumenti per farsi trovare online e corsi dedicati alle competenze digitali, senza costi” si legge nel blog italiano del colosso di Mountain View.

Gli strumenti a disposizione

Obiettivo dichiarato è quello di far sì che commercianti e business locali possano non solo farsi trovare sul web, ma anche conquistare nuovi clienti mantenendo quelli già consolidati. Per questo, Google mette a disposizione gratuitamente quattro strumenti digitali, facili da utilizzare, in modo che anche i meno preparati sull’argomento possano sfruttare da subito tali risorse. Sono Google My Business, con cui i negozi possono creare il loro profilo e, in questo modo, avere una vera e propria vetrina digitale per farsi trovare su Ricerca Google e Google Maps; Google Shopping, che consente ai negozianti di inserire i propri prodotti senza costi sulla scheda di Google Shopping. Grazie a questo strumento è possibile mostrare a chi sta cercando un prodotto – e magari si trova vicino – la disponibilità della merce, magari per acquistarla online e ritirarla in negozio. Ancora, ci sono Grow My Store che fornisce tutti i supporti necessari a chi vuole aprire il proprio sito Internet e infine Google Digital Training, una piattaforma dedicata in lingua italiana con corsi, suggerimenti e consigli per promuovere e valorizzare la propria attività online.

Gli insight affidabili per affrontare il cambiamento

Se il cambiamento è stato una costante degli ultimi anni il Covid-19 ha scompigliato le regole del gioco, modificando le abitudini delle persone in tanti ambiti diversi. Anche quelle più consolidate, come il Natale. “Possiamo usare 3 parole chiave per descrivere il momento attuale: Disruption, Acceleration, Data Overload – spiega Enzo Frasio, Presidente di GfK Italia -. Esiste un’ulteriore complicazione: siamo esposti a una mole di dati e informazioni sempre più grande, difficile da gestire, da interpretare e da tradurre poi in azioni”. In un momento così “disruptive” le aziende devono perciò adattarsi velocemente al nuovo contesto, e individuare le informazioni davvero importanti.

Il sentiment dei consumatori italiani

Durante la Web Conference di GfK Italia, Signals from the noise, gli esperti GfK hanno esplorato gli scenari futuri del mercato e delle abitudini di acquisto dei consumatori.

“Prima delle vacanze i nostri dati mostravano un allentamento delle preoccupazioni degli italiani legate al Coronavirus, ma la risalita del contagio delle ultime settimane ha fatto invertire la tendenza: a ottobre il 40% si dichiarava molto preoccupato per il Covid-19, un dato in crescita del +7% rispetto al mese di luglio”, commenta Daniele Novello, Sub-Lead Consumer Insight.

Nonostante questo, le ricerche GfK mostrano un consumatore pronto a fronteggiare il momento delicato anche attraverso nuovi progetti di consumo: 1 italiano su 2 dichiara infatti l’intenzione di fare acquisti durante le promozioni del Black Friday 2020.

Trend consolidati per il largo consumo

“Di fronte alle difficoltà degli ultimi mesi, gli italiani hanno capito di non poter uscire da questa crisi da soli – continua Novello -. Sempre più persone (73%) si dichiarano orgogliose di essere italiane e guardano di conseguenza con maggior attenzione al Made in Italy, e più in generale ai marchi di cui condividono ideali e valori”.

Alcuni trend emersi durante l’emergenza sono entrati poi a far parte delle abitudini degli italiani per quanto riguarda la spesa di largo consumo. “Benessere, autenticità e sostenibilità – commenta Marco Pellizzoni, Commercial Lead Consumer Panels – saranno tra i vettori di crescita più importanti per i prossimi mesi e le aziende dovranno dimostrare vicinanza ai consumatori, attraverso innovazioni e comunicazioni in linea con le evoluzioni della domanda”.

Gli scenari a breve e a medio periodo

Il Natale 2020 sarà diverso dal solito: ci saranno meno spostamenti e meno ritrovi fuori dalla cerchia più ristretta. “La casa sarà ancora più al centro della vita della famiglia, sfondo per pranzi e cene, momenti di gioco e di lavoro, intrattenimento e comunicazione a distanza”, aggiunge Giuseppe Minoia, Insight Advisor.

Nel medio periodo da parte dei consumatori possiamo poi aspettarci un consolidamento della logica Rethink Spending, con una rimodulazione del modo di vivere, di pensare e comprare. “Anche i brand dovranno abbracciare la logica Rethink – sottolinea Minoia -. Oggi quindi per le aziende è più importante che mai riuscire a comunicare nel modo giusto, raccontando la propria storia, il proprio impegno di sostenibilità e il legame con il territorio”.

Catfishing, gli adolescenti e i falsi profili sui social

A oltre 6 ragazzi su 10 è capitato di imbattersi in profili falsi sui social, e quasi la metà confessa di averli creati, soprattutto per divertimento. Si tratta del fenomeno Catfishing, ovvero la pratica di “pescare” immagini e informazioni dagli account dei social media al fine di creare una nuova e finta identità online utilizzando quella di un altro individuo come se fosse la propria. Il Catfishing, inizialmente diffuso fra gli adulti, sta prendendo piede anche tra i giovanissimi. Per questo motivo Kaspersky ha realizzato un’indagine sul fenomeno, condotta insieme al Giffoni Innovation Hub, per sensibilizzare ragazzi e genitori a essere più consapevoli.

Quanto è importante sapere con chi si chatta?

In generale il Catfishing viene visto come qualcosa che coinvolge soprattutto i giovanissimi (72%), anche se il 17% pensa riguardi principalmente il mondo degli adulti, e il 13% solo persone molto deboli e fragili. Alcuni, inoltre, sottovalutano il pericolo e non lo ritengono tale, a meno che non si tramuti in truffa economica, ricatto o minaccia (14%). Se oltre il 65% considera fondamentale informarsi, e l’85% è cosciente della serietà del fenomeno Catfishing, sono in particolare le ragazze le più preparate sul tema (62%), contro il 43% dei maschi. Le ragazze poi sono anche le più sensibili, ritenendo importante sapere con chi si chatta realmente. Il 73% di loro, infatti, dà un voto massimo a questo aspetto, rispetto al 50% dei maschi, riporta Ansa.

Cosa spinge a mentire online?

L’ossessione per i like e la paura del giudizio riferito al proprio orientamento sessuale, al colore della pelle o al proprio corpo, hanno effetti importanti sui giovanissimi. Tra le motivazioni che spingono a inventare profili falsi per il 22% c’è proprio la vergogna per il proprio aspetto fisico, convinzione che appartiene in ugual misura a maschi (23%) e femmine (21%). Dall’indagine emerge poi che il 44% dei giovani intervistati ha utilizzato almeno una volta profili falsi sui social, sostenendo di averlo fatto soprattutto per divertimento (27%), ma anche per sentirsi “libero” di commentare e postare contenuti che con la propria identità non avrebbe avuto il coraggio di condividere (14%).

A scuola se ne parla poco

L’8% confessa invece di averlo fatto per timidezza, il 5% per aumentare like e commenti, e il 2% ammette di averlo creato per fare l’hater in rete. Un altro elemento che emerge dalla ricerca è che la scuola sembra non essere un luogo in cui si discute di questo argomento. Solo il 29% dichiara di averne parlato con i propri insegnanti, e anche in questo caso, sono le ragazze a preoccuparsene maggiormente (32%) rispetto ai ragazzi (25%).

“È fondamentale tenere presente che gli adolescenti sono naturalmente i più esposti alle minacce della rete – commenta Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky -. Per questo motivo è importante creare progetti e iniziative per una vita digitale sicura e per informare i ragazzi sui pericoli del mondo online”.

Moratoria sui crediti per imprese e famiglie

La fase post lockdown ha fatto segnare un deciso recupero delle richieste di credito da parte di famiglie e imprese, tornate sui livelli pre emergenza.

In questo scenario, sicuramente in recupero, ma ancora condizionato dall’incertezza causata dall’emergenza, famiglie e imprese non hanno smesso di richiedere l’accesso alla moratoria varata dal Governo per sospendere il pagamento delle rate sui finanziamenti in essere. E la nuova rilevazione di CRIF (Centrale Rischi Finanziari), relativa alle istruttorie contribuite sul proprio sistema di informazioni creditizie nella prima settimana di agosto, registra una performance positiva, rispettivamente con un +7% per le famiglie e un +15% per le imprese.

Le richieste presentate dalle imprese…

La dinamica registrata da CRIF circa le richieste di moratorie sui finanziamenti rateali fa emergere significative differenze sulla base della dimensione d’impresa. Il 72,6% delle richieste di moratoria ottenute in questi mesi sono riconducibili a società di capitali, il 23,9% a società di persone, e il 2,3% a ditte individuali. Il 47,6% delle sospensione delle rate ottenute dalle imprese si riferisce a mutui di liquidità contro una quota del 25,6% dei contratti di leasing e al 17,4% dei mutui immobiliari. Seguono i prestiti personali (5,2%), e i prestiti finalizzati (4,2%). La rata mensile più elevata è quella relativa ai mutui di liquidità, con 3.645 euro di media, a fronte di un debito residuo pari a 122.754 euro.

…e da parte delle famiglie

Per quanto riguarda le linee di credito per le quali è stata chiesta la sospensione del rimborso delle rate da parte di privati consumatori, i mutui immobiliari rappresentano il 46,6% delle richieste, mentre il 26,6% del totale riguarda prestiti personali, che tipicamente rappresentano le due forme di finanziamento più onerose per le famiglie. A seguire, i mutui di liquidità (12,6%), i prestiti finalizzati (8,6%) i contratti di leasing e altri prodotti rateali (5,6%). I contratti per i quali i consumatori hanno potuto ottenere la sospensione grazie alla moratoria sono in genere più onerosi in termini di rata mensile e debito residuo, consentendo così ai beneficiari di liberarsi in questa delicata fase di un impegno significativo e agevolare la sostenibilità del bilancio familiare.

“Un’efficace misura di sostegno”

“Indubbiamente la moratoria varata dal Governo nei mesi scorsi ha rappresentato un’efficace misura di sostegno alle famiglie e alle imprese che in questi mesi si sono trovate in difficoltà a causa dell’emergenza Covid – commenta Antonio Deledda, Direttore Credit Bureau Services di CRIF -. Posto che le rate oggetto di moratoria sono contribuite nei SIC dagli intermediari finanziari a importo dovuto pari a zero, e che i beneficiari non possono essere segnalati a sofferenza dal momento in cui il provvedimento è stato concesso, la segnalazione della sospensione delle rate darà la possibilità ai soggetti finanziati di referenziarsi adeguatamente nel prossimo futuro, dimostrando che la loro affidabilità è elevata e che la sospensione delle rate è stata richiesta per far fronte a una temporanea difficoltà dovuta agli effetti della pandemia e non per altre ragioni”.

Facebook, su Rooms le dirette anche per 50 persone

Non solo Zoom, ma anche Rooms. Sono sempre di più le piattaforme dedicate alle videochiamate, che ci hanno salvato dall’isolamento sociale, professionale, educativo quando eravamo tutti chiusi in casa. E ora la funzione di Facebook, lanciata proprio durante le settimane del lockdown, si evolve e diventa uno strumento per le dirette con gli amici e i colleghi. Con Messanger Rooms, le ‘stanze’ virtuali del social network si possono trasformare in uno spazio per live destinati a gruppi fino a 50 persone. “La funzione – precisa una nota di Facebook – viene gradualmente introdotta in alcuni paesi su Facebook e Messenger versione web e presto verrà estesa a tutti i paesi in cui è disponibile Messenger Rooms, nonché all’app mobile Facebook e Messenger e alla versione desktop di Messenger”. Questa funzione risponde anche a un’evidenza: a giugno 2020 le dirette della Pagine sono raddoppiate rispetto all’analogo periodo dell’anno scorso.

Liberi di aggiungersi o uscire

Le Messenger Rooms sono videochiamate di gruppo a cui ci si può aggiungere. Nel caso del ‘live’, il creatore della Stanza controlla la diretta, chi può vedere il Live e chi è invitato a partecipare. Inoltre, può aggiungere o rimuovere i partecipanti dalla diretta in qualsiasi momento e anche chi partecipa può lasciare la live in qualsiasi momento. Ancora, il creatore può invitare anche chi non ha un account Facebook. Per garantire la massima sicurezza, specifica Facebook, “Gli spettatori sono incoraggiati a segnalare qualsiasi video in diretta che ritengano violi gli standard della comunità di Facebook”.

Come funziona

Per trasmettere in diretta su Messenger Rooms occorre essere il creatore della stanza e usare il browser web Google Chrome. Da Messangers Rooms bisogna poi cliccare sull’icona “Live” in basso a destra. A questo punto, occorre scegliere dove si vuole vuoi trasmettere il video in diretta (sul diario, su una Pagina gestita o su un gruppo) e selezionare il pubblico. Tutti i partecipanti alla videochat riceveranno una notifica che li invita a partecipare alla trasmissione in diretta e dovranno scegliere di partecipare o di lasciare la stanza prima che diventi attiva. Una volta che i partecipanti confermano la loro presenza nella stanza (o decidono di lasciarla), si può iniziare la diretta. Il creatore della stanza può rimuovere i partecipanti che non rispondono e può anche decidere di bloccare o sbloccare una “Room” durante la diretta. Per terminare la trasmissione, è sufficiente cliccare su Fine.

Ambiente e territorio, le priorità per chi abita nel Nord-Ovest

I residenti del Nord-Ovest italiano nel 2020 si sentono più esposti ad alcuni rischi di tipo economico rispetto al resto del Paese. In particolare, i motivi di preoccupazione sono l’aumento del costo della vita (47% contro il 41% a livello nazionale), il reddito incerto e la situazione economica difficile per i figli o i nipoti (36% contro il 33%) e l’incapacità di mantenere nel tempo il proprio tenore di vita (28% contro il 24%). Aumento del costo della vita e timori sullo scenario economico con possibili ricadute negative sul futuro dei figli sono quindi alcune delle principali preoccupazioni espresse dagli abitanti del Nord-Ovest.  È quanto emerge da dati Ipsos riferiti al 2019, che mostrano come queste preoccupazioni siano accentuate ulteriormente nel difficile momento post emergenza sanitaria.

Sostenibilità come valore in grado di mitigare le percezioni negative

I dati Ipsos evidenziano anche come nelle regioni del Nord-Ovest, Liguria compresa, il 72% della popolazione affermi di conoscere il concetto di sostenibilità, e il 24% delle persone consideri ambiente e territorio una priorità, al terzo posto dopo mobilità (45%) e occupazione ed economia (31%).

Sostenibilità, dunque, come valore in grado di mitigare le percezioni negative? È una delle possibili chiavi di lettura dei dati affrontata nel corso della tappa di Genova del Salone della CSR e dell’innovazione sociale, la manifestazione italiana dedicata ai temi della sostenibilità, che ha sviluppato un dibattito su Resilienza trasformativa e voci plurali. Alla manifestazione hanno partecipato rappresentati delle istituzioni, mondo accademico e realtà imprenditoriali e del Terzo settore.

Necessità di essere resilienti, ma in una logica trasformativa

“La sostenibilità richiede la collaborazione di tutti gli attori sociali – spiega Rossella Sobrero, del Gruppo promotore del Salone – soprattutto in periodi difficili come quello che stiamo attraversando. Nella tappa di Genova è stata ricordata anche la necessità di essere resilienti, ma in una logica trasformativa per riuscire a gestire il cambiamento con risultati positivi per tutti. Per farlo è necessario uscire dalla comfort zone a cui siamo abituati e imparare ad ascoltare tante voci diverse: la resilienza trasformativa richiede infatti uno sguardo aperto e una visione olistica, fattori essenziali per riconoscere le sfide emergenti e trovare soluzioni innovative”.

Un approccio sostenibile e condiviso volto alla creazione di un valore comune

La tappa di Genova del Salone è stata organizzata in collaborazione con Eticlab. “Quest’anno, proprio per la situazione di emergenza che tutti ci siamo trovati nostro malgrado a dover affrontare è ancora più evidente come di fronte a sfide, anche inaspettate, un approccio sostenibile e condiviso, volto alla creazione del valore comune, possa davvero essere una risposta concreta” ha commentato Giovanni Battista Valsecchi, presidente Eticlab.

Boom dei monopattini in città. Ma per utilizzarli servono regole

I monopattini elettrici, silenziosi ed ecologici, ma anche tutti gli altri veicoli elettrici per la mobilità individuale, come hoverboard, segway, monowheel e, ovviamente, biciclette, sono il nuovo fenomeno che sta conquistando le città italiane. E potrebbero rappresentare la chiave per accelerare l’intero processo di revisione della mobilità urbana, come già è avvenuto e sta avvenendo in diversi Paesi, a partire da quelli del nord Europa. A spingere i monopattini e la loro diffusione sempre più massiccia sono soprattutto i timori legati all’utilizzo dei mezzi pubblici durante la pandemia. Migliaia di cittadini devono percorrere pochi chilometri per andare al lavoro, ma anche tanti giovanissimi, e ora preferiscono evitare di utilizzarli e scelgono i nuovi mezzi a disposizione.

Equiparati alle biciclette, pur con limiti specifici di utilizzo

Ma quali sono le regole per utilizzare i monopattini elettrici? “La materia – spiega il dirigente della Polizia Stradale Giandomenico Protospataro, che su Poliziamoderna ha condotto un’analisi su questo tipo di mezzi di trasporto – è stata regolata per la prima volta nel 2019 con l’avvio della sperimentazione, e successivamente, all’inizio di quest’anno, i monopattini sono stati equiparati alle biciclette, pur con limiti specifici di utilizzo in ambito urbano”.

E dunque, purché abbiano specifiche caratteristiche costruttive e funzionali, i monopattini elettrici possono circolare anche sulla carreggiata se non ci sono piste ciclabili disponibili.

Uso del casco per i conducenti minorenni e limite di velocità di 25 km/h

I monopattini elettrici però non possono invece circolare sulle carreggiate extraurbane né sulle strade urbane, che hanno limite di velocità più elevato di 50 km/h, o dove è vietata la circolazione dei velocipedi. Né, ovviamente, sui marciapiedi o negli spazi riservati ai pedoni.

“La conformazione strutturale di questo tipo di dispositivi – spiega ancora Protospataro – ha imposto delle regole ad hoc, pur essendo dal punto di vista giuridico equiparati alle biciclette, e dunque le regole d’utilizzo sono quelle previste dagli articoli 68 e 182 del codice della Strada”. Ovvero, uso del casco per i conducenti minorenni, limite di velocità di 25 km/h, divieto di trasporto di cose o passeggeri, e nessuna patente per guidarli, purché si abbiano 14 anni.   

Pesanti sanzioni amministrative e sequestro del veicolo se viene “modificato”

“Attenzione però – aggiunge il dirigente della Polstrada – il monopattino non deve avere un sellino o comunque un posto a sedere con altezza dal suolo superiore a 54 cm. Se lo avesse – continua Protospataro – dovrebbe essere considerato come un ciclomotore elettrico per il quale il Cds impone regole molto diverse”, come l’obbligo di omologazione, immatricolazione, targa, patente di guida, assicurazione, e casco omologato.

Circolare con un veicolo di questo tipo se si infrangono le regole può costare davvero molto caro, perché si applicano pesanti sanzioni amministrative pecuniarie, e il sequestro per la confisca del veicolo.

Facebook rimuove 2,5 milioni di contenuti commerciali relativi al Covid

Più di 2,5 milioni di contenuti relativi alla vendita di mascherine, disinfettanti per le mani e kit di test per il coronavirus. È quanto Facebook ha rimosso dalla piattaforma  partire dal primo marzo 2020. E ad aprile il social network ha apposto un’etichetta di avvertimento per gli utenti su circa 50 milioni di contenuti a tema Covid-19. Il tutto è frutto dell’analisi di 7.500 articoli da parte dei fact checker partner. Si tratta di alcuni dati del Community Standards Enforcement Report pubblicato periodicamente dalla società di Mark Zuckerberg, che dà conto delle azioni messe in campo da Facebook in alcune aree sensibili, compresi anche linguaggio d’odio e bullismo.

Eliminati centinaia di migliaia di contenuti di disinformazione

Insomma, Facebook intende continuare a fare “pulizia” sulla propria piattaforma, impiegando una gran mole di risorse per scovare ed eliminare fake news e contenuti fuorvianti sul coronavirus.

“A oggi – sottolinea il social network – abbiamo indirizzato oltre 2 miliardi di persone verso le fonti messe a disposizione dalle autorità sanitarie attraverso il nostro Centro Informazioni sul Covid-19 e i pop-up su Facebook e Instagram”. In questo modo sono stati rimossi centinaia di migliaia di contenuti di disinformazione che potrebbero portare a danni fisici imminenti.

Grazie ai sistemi di AI è migliorato anche il rilevamento proattivo

Il Community Standards Enforcement Report ha messo in chiaro anche le altre aree di azione della piattaforma sui contenuti dannosi. In sei mesi, ad esempio, ha rimosso 6,3 milioni di contenuti relativi a organizzazioni che diffondono odio, 2,8 miliardi di account fake, e 4,8 miliardi di contenuti spam. Grazie ai sistemi di Intelligenza Artificiale, spiega ancora la piattaforma, è migliorato anche il rilevamento proattivo, ovvero quello che consente di rilevare questo genere di post prima che vengano segnalati dagli utenti.

Quasi il 90% di hate speech rilevato

In particolare, per quanto riguarda l’hate speech, Facebook ora è “in grado di rilevare quasi il 90% dei contenuti”. Su Instagram, invece, oltre a lanciare nuovi strumenti anti-bullismo la società sottolinea di aver apportato miglioramenti alla tecnologia di corrispondenza di testo e immagini per scovare un maggior numero di contenuti relativi a suicidio e autolesionismo.

In questo modo, riferisce Ansa, la quantità di contenuti su cui la società ha preso provvedimenti è aumentata del 40%, e la percentuale di rilevamento proattivo è cresciuta del 12%. Riguardo il bullismo, invece, in sei mesi la piattaforma è intervenuta su 1,5 milioni di contenuti.

Arriva l’app che aiuta a non toccarsi il viso

È stato ripetuto fin dall’inizio dell’emergenza, e ormai lo sanno tutti: dopo lavarsi le mani, non toccarsi il viso è l’accorgimento più importante per evitare di contrarre il Coronavirus. Ma le abitudini sono difficili da sradicare, e quella di portare le mani al volto, soprattutto a naso, bocca, occhi, è un gesto quotidiano che facciamo più e più volte al giorno in maniera del tutto automatica, senza che ce ne rendiamo conto. Ma in questo periodo potrebbe costarci caro. E per aiutare le persone a ricordarsi di non toccarsi la faccia è arrivata un’app. si chiama No Touch Face, ed è l’applicazione sviluppata dal team del professor Domenico Prattichizzo al SIRSLab (Siena Robotics and Systems Lab) dell’Università di Siena, proprio per aiutare le persone a non toccarsi il viso.

Una notifica vibro-sonora avvisa di non avvicinare la mano al volto

“Basta uno smartwatch e piccoli magneti facilmente acquistabili online – spiega il professor Prattichizzo – per ricevere una notifica vibro-sonora non appena si avvicina la mano al viso”.

Si tratta di una semplice soluzione ma dal grande impatto sulla sicurezza delle persone, che spesso si espongono al contagio per colpa di disattenzioni. D’altronde, “combattere abitudini simili è fondamentale per diminuire il rischio di contrarre il coronavirus”, commenta Prattichizzo. Come funziona No Touch Face? In pratica l’applicazione sfrutta i sensori già integrati nei più comuni smartwatch per misurare il campo magnetico circostante, e rilevare la distanza a cui si trovano i magneti. Posizionando piccolissimi magneti su collane, orecchini e occhiali viene dunque delimitata una zona di sicurezza all’interno della quale l’applicazione genera una notifica di allarme, riferisce Askanews.

Una soluzione per tenere costante l’attenzione all’igiene

“È una soluzione facile e accessibile a tutti per tenere costante l’attenzione all’igiene – prosegue il professor Prattichizzo – ancor più utile nei luoghi pubblici, dove un momento di distrazione può far prendere all’abitudine il sopravvento”.

No Touch Face è un’applicazione gratuita attualmente disponibile per sistemi operativi WearOS. Il software è open-source e accessibile al sito ufficiale www.nofacetouch.org. Grazie al contributo collettivo sarà possibile migliorare e sviluppare l’applicazione anche per altri smart watches (Samsung, Apple, Huawei) per essere di aiuto a un numero sempre più alto di persone.

Un deterrente contro la diffusione dell’infezione

L’applicazione è nata dalla collaborazione tra l’Ateneo senese e l’Istituto italiano di tecnologia, e risponde all’attuale emergenza Covid-19 proponendosi come deterrente contro la diffusione dell’infezione.

Inoltre il progetto No Face Touch è parte dell’iniziativa dell’Istituto per la Robotica e le Macchine intelligenti, che in questo momento sta cercando a livello nazionale di contribuire alla prevenzione e cura del Covid-19.

Pagamenti digitali, le opportunità per gli esercenti

La Legge di Bilancio 2020 ha introdotto nuove misure per incentivare i pagamenti cashless da parte dei consumatori, e incoraggiare esercenti, professionisti e piccoli artigiani a dotarsi di Pos per l’accettazione dei pagamenti senza contanti. Da gennaio 2020 i consumatori potranno infatti portare in detrazione IRPEF al 19% solo le spese effettuate con strumenti tracciabili, come le carte di pagamento. Per questo motivo, sono sempre di più i clienti che chiedono ai professionisti privati del settore sanitario, ai centri sportivi e agli altri operatori che offrono servizi oggetto di detrazione, di poter pagare con il Pos. Dal 1° luglio, poi, i piccoli commercianti che utilizzano strumenti di pagamento elettronico potranno beneficiare di un credito d’imposta del 30% sulle commissioni bancarie per le transazioni.

Nuovi Pos per artigiani e studi medici

Per i piccoli esercenti e i professionisti che vogliono dotarsi di uno strumento semplice e pratico per l’accettazione dei pagamenti digitali, Nexi, l’azienda italiana che offre servizi e infrastrutture per il pagamento digitale a banche, aziende, istituzioni e Pubblica Amministrazione, ha lanciato l’offerta Welcome. Si tratta di un servizio consigliato soprattutto ad ambulanti e professionisti, come studi medici o artigiani (elettricisti e idraulici), senza canone Pos mensile, che permette di accettare tutte le principali tipologie di carte, compreso il Pagobancomat, con una commissione unica per le carte europee. E può essere usato anche in modalità mobile.

Ulteriori offerte arrivano dall’estero, come SumUp e myPOS

Inoltre, con Welcome, non è richiesta l’apertura di un conto corrente dedicato, poiché l’esercente potrà infatti usare il conto già aperto presso la sua banca.

Ulteriori offerte interessanti che propongono device a supporto dei pagamenti digitali per i piccoli esercenti arrivano dall’estero. Tra questi l’anglosassone SumUp, che propone il Pos in vendita e una commissione unica, e la spagnola myPOS, che lo offre in vendita con una commissione unica collegato a un conto corrente estero. SumUp e myPOS assicurano l’accettazione del circuito Pagobancomat e la manutenzione per tutta la durata del contratto, nonché l’assistenza telefonica in Italia.

Convenienza, facilità, trasparenza e un customer care efficace

Anche Nexi Welcome offre l’assistenza telefonica in Italia 24 ore su 24, 7 giorni alla settimana, non solo quindi nei giorni lavorativi. Inoltre, garantisce la manutenzione inclusa con sostituzione gratuita del Pos in caso di malfunzionamento per tutta la durata del contratto, non solo quindi per il primo anno. Insomma, convenienza, facilità, trasparenza e un customer care efficace. Avere un Pos non sarà più un peso per gli esercenti.